Storie di ordinaria ipocrisia 2


Odio le generalizzazioni, odio fare di tutta l’erba un fascio, ma odio anche il silenzio.

Il silenzio di tutti i partiti intorno al caso PdL – Polverini – Regione Lazio è assordante e – ahimé – fa pensare che le accuse a pioggia di “Er Batman” non siano poi così campate per aria.

Dove siete tutti? Sinistra, centro… perfino Grillo sta zitto. C’è un corto circuito ormai evidente. Ho paura ad usare la parola “tutti” eppure di questo forse si tratta. “Tutti” probabilmente sapevano cosa succedeva nel Consiglio Regionale del Lazio. “Tutti” probabilmente hanno mangiato almeno una fett(in)a della torta. “Tutti” felici e contenti. Nessuno ha denunciato.

Inutile a questo punto è chiedersi il perché. Non ce n’è più bisogno, se mai ce ne fosse stato.

Nel bel mezzo della decadenza del Sistema Italia, giorno dopo giorno emerge chiara e netta una separazione tra il mondo degli eletti ed il partito del popolo, che oggi più che mai rifiuta senza appello le strutture partitiche della Prima e della Seconda Repubblica e si riconosce nella “scheda bianca”. Un partito che giorno dopo giorno s’ingrossa e che non avrà mai una bandiera perché non vuole una bandiera, ma pretende una rappresentanza che rispetti la legge, che fosse in grado di rispondere ai bisogni e che si sostanziasse in un partito del fare.

Le dinamiche di alleanze, coalizioni e quant’altro vengono meno. Non interessa più a nessuno chi sta con chi perché ormai la questione è la sopravvivenza in un mondo dominato dalla darwiniana legge del più forte. Non interessa più a nessuno di cosa parla la politica, i bisogni sono altri e i bisogni vengono prima di tutto. Senza la pancia piena e la fiducia nel futuro dei propri figli destra e sinistra si eclissano. Punto.

Se mai uscirà un vincitore dalle urne nel 2013 dovrà tenere bene a mente questo discorso. In Italia non si campa più con le chiacchiere bensì facendo di tutto per riportare a casa nostra il lavoro e ripulendo i nostri palazzi dal lerciume e dalle zozzerie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...